Image C’era una volta un paese molto lontano in cui viveva una famiglia reale. Loro erano molto felici e spensierati, trascorrevano il tempo giocando alla wii e guardando il “Grande castello” alla TV. 

Un giorno di pioggia, fulmini e saette, la principessa viene rapita e nascosta in una torre. 

Siccome il figlio del macellaio era innamorato della principessa, prende tre costolette, una buona salsiccia e un coltellaccio e parte a cavallo di un asino alla ricerca della principessa sparita.

Dopo due giorni era arrivato al mare e si imbarca su una nave che vola grazie alla polvere magica che esce dalla vela. Dato che l’asino ha paura di volare, Macellino lo lascia a terra con una costoletta e va via.

La nave prende il volo e ad un certo punto all’orizzonte si scorge una torre dalla quale una bionda ragazza con espressione di morta di fame agita un pacchetto di patatine vuoto.

Il figlio del macellaio morde la buona e lunga salsiccia di due metri, gira la testa in maniera che l’altra estremità arriva alla principessa colpendola in faccia. Ma lei, presa dai morsi della fame, azzanna la salsiccia e vola via tirata dalla nave.

Mangia, mangia, mangia, mangia fino a sfiorare le labbra di Macellino.

A questo punto lui voleva riportare la principessa dalla sua famiglia, ma per non essere riconosciuto, raccoglie frutta e verdura travestendosi da fruttivendolo.

Purtroppo la famiglia reale che non era vegetariana, non voleva dare in sposa la principessa a un fruttivendolo, cosicché come nella festa della “tomatina” l’auspicante promesso lancia i pomodori, tira fuori la costoletta che gli avanzava urlando: “Con me mai ti mancherà la ciccia e neanche una buona salsiccia!”

E così vissero felici e contenti senza anemia per tutto il resto della loro vita!

Voci narranti: Laura, Dani, Julio, Almudena, Montse

Anuncios